Exhibition at Galleria Or , Genova

Exhibition

Sandro Zendralli

“Le mie vette”

 

Galleria Or, Piazza Marsala 12r, 16122 Genova

www.galleriaor.com

 

October 7 - november 7, 2014

Mo-fri 16:30-19:30, Sa 17:00-19:30

Vernissage: October 7, 2014 - 18:00

 

 

Le mie vette
di Alan Jones

 

 

     Un vecchio detto cinese mette in contrasto il poeta attratto dal mare al filosofo dalla montagna. Dobbiamo però constatare che queste due tendenze talvolta arrivano in un'armonia inattesa nell’opera di certi creatori. Sandro Zendralli è uno di loro: riconosciutissimo architetto che ha contribuito
con la sua buona volontà al ricco microclima culturale del Canton Ticino e al patrimonio dei Grigioni,
così come nel campo dell'espressione pittorica.

 

 

     Da architetto Zendralli non ha avuto niente da imparare dal concetto filosofico del Taoismo cinese
che si chiama feng-shui; possiede già da se stesso quel senso di armonia spaziale tra l'uomo e la natura. Ogni quadro di Sandro Zendralli è una dimostrazione, anzi una celebrazione, di questa sapienza
che riunisce l'architettura alla pittura, l'uomo al suo habitat.

 

 

     La pittura di Sandro Zendralli non è ubicata in una sola stagione; come nella tradizione
dei grandi maestri della pittura architettonica, da Piero della Francesca fino a Giovanni Segantini, Zendralli vuol stabilire una testimonianza -un manifesto- verso un idealismo nella pittura,
localizzando il luogo d'incontro tra l’umanità e l'universo. Ciò che chiamiamo “la natura” significa
solo un piccolo quartiere nella vasta prospettiva del paradigma universo-eternità.

 

 

     Per una giustizia inevitabile, Genova ospita un’esposizione delle nuove opere di Zendralli
che riaprono quell’ antico itinerario di scambi culturali tra l'Europa del Nord verso il sogno mediterraneo, che è la prima fermata nel pellegrinaggio classico che fino a poco tempo fa rappresentava il Viaggiare.
A metà strada su questa mappa si trovano San Bernadino, Bellinzona, Lugano e dopo la dolce discesa verso la terra dove crescono i limoni. E’ una questione di altitudine tra due microclima che storicamente hanno in comune un’antichissima cultura.

 

 

     Nella costellazione delle stelle in cui naviga Sandro Zendralli, c’è Hermann Hesse, scrittore
ma anche pittore, che opera in quest’occasione come un Virgilio che mostra la strada tra Bellinzona
e Genova, il quale innamorato del paesaggio alpino svizzero è in Liguria, sul lungomare di Rapallo,
dove ha avuto il suo primo incontro con il Mediterraneo, ricordato indimenticabilmente nella sua prosa.

 

 

     La pittura di Sandro Zendralli costituisce pagine di un calendario di visione poetica senza secolo. Appartiene a coloro che, come diceva un grande poeta svizzero, Blaise Cendrars, “vivono veramente
ma rimangono innamorati del mondo.”

© 2014 SANDRO ZENDRALLI